Sull’isola con Maigret.

Luigi Toiati

“Il ricevitore all’orecchio, Maigret guardava la pioggia scorrere sui vetri e pensava che doveva esserci il sole a Porquerolles, un’isoletta del Mediterraneo al largo di Hyères e di Tolone. Non c’era mai stato, ma gliene avevano parlato spesso. Quelli che tornavano di là erano abbronzati come beduini. A proposito, era la prima volta che gli telefonavano da un’isola e rifletté che i cavi telefonici dovevano passare sotto il mare”.

Da Il mio amico Maigret, Georges Simenon 1949.

Leggi tutto →

Dal disegno fino al set: Steno

Sentiero Digitale –redazione

Sapeva disegnare e sapeva cercare (e  trovare) con leggerezza il lato comico e contradditorio della realtà o della verità inoppugnabile. Stefano Vanzina in arte (contratto) Steno arriva fino a noi dal 19 gennaio 1917, data della sua nascita ad Arona sul lago Maggiore. Una mostra alla Galleria d’arte Moderna e Contemporanea ne celebra quello che sarebbe stato il suo centenario. Per un disegnatore umoristico un approdo e una sede ineguagliabili e meritate per quel che poi Steno è stato: scrittore, giornalista, sceneggiatore, regista e infine acuto osservatore della realtà. Leggi tutto →

I disegni del Tempo.

Marco Giannini

Visualizzare il tempo

Se le cose succedessero tutte insieme, sarebbe complicato affrontarle. Per fortuna esiste il tempo, che le tiene separate. 

00 fugit hora

Lapide marmorea sulla facciata del Palais de Justice a Parigi.

Ma il tempo esiste davvero o l’abbiamo inventato noi perché ci fa comodo?

Osservando l’avvicendarsi dei giorni e delle stagioni, viene naturale pensare che il tempo passi, che per passare debba in qualche modo arrivare (ma da dove?), e che insomma faccia parte dell’ordine naturale del mondo, una parte importante per giunta. Che il suo scorrere non sia solo una metafora ma segua una direzione universale.

Sempre in base allo scorrere dei giorni e delle stagioni, pare di capire che la misurazione del tempo ci è data, e che quel grandioso (e imperfetto) espediente che chiamiamo calendario sia in realtà un’invenzione (nel significato etimologico del latino invenio: “scopro, trovo”), una trasposizione di qualcosa di pre-esistente. Per non parlare delle ore, dei minuti e dei secondi, che misuriamo grazie a complicati marchingegni chiamati orologi, così complicati che in pochi sanno come funzionano davvero. Leggi tutto →

Il primo volo di Ciccio, falco pescatore.

Alessandro Trosi

Dopo aver festeggiato l’anniversario dei 10 anni di progetto falco pescatore in Maremma (ne avevamo parlato qui) , è periodo di nuovi voli nei nidi dei falchi.

dalla webcam sul nido

Dalla webcam sul nido

Delle tre coppie presenti nel Parco Regionale della Maremma e della Diaccia Botrona, questa stagione ci ha portato tre piccoli per l’anno 2016: dalla coppia Primo ed Eva si sono schiuse due uova su tre e i piccoli sono stati “nominati” Attila e Amerigo, mentre dalla coppia Geronimo e Pocaonthas è nato un solo piccolo falco, Ciccio, che dal nome fa capire il suo buono stato di salute. Le due coppie di falchi pescatori hanno nutrito i loro piccoli appena nati e a circa 40 giorni dalla nascita sono stati forniti di anelli di riconoscimento e Gps satellitare per poter studiare i loro movimenti, migrazioni e comportamenti. Anche le analisi genetiche e del dna, delle uova non schiuse e di tutti i dati anatomici misurati e presi nel momento dell’inanellamento, rapido e indolore, serviranno al nostro gruppo di lavoro per continuare la preziosa conoscenza della popolazione mediterranea di questa specie. Leggi tutto →

In streaming da Giove.

Marco Giannini

Il 4 luglio scorso la sonda Juno, lanciata dalla Nasa nel 2011, ha raggiunto l’orbita del pianeta Giove, quinto pianeta del nostro sistema stellare, gigante gassoso e maggiore tra gli oggetti celesti in orbita attorno al nostro Sole. L’obiettivo della missione è la ricognizione scientifica.

1 Eyes on Juno2

Molti giornali di grande tiratura hanno festeggiato l’evento, inondando la rete di fotografie (per esempio la CNN: in realtà ricostruzioni 3D offerte dalla Nasa) e pubblicando infografiche che descrivono la missione dagli albori alla frenata cosmica di lunedì notte. Leggi tutto →

La simbolica Rivoluzione di Mercurio.

Alessandro Angelo

Un puntino nero.

A volte capita di trovare sui giornali la notizia di un qualche evento astronomico che, nella maggior parte dei casi, non può essere osservato e non influenzerà minimamente le nostre vite: leggiamo l’articolo, guardiamo le belle foto d’archivio della Nasa ritoccate con Photoshop e, i più sensibili di noi, sospirano verso il cielo chiedendosi perchè anche stavolta non vedranno nulla. In questo caso è toccato al transito di Mercurio: avvenuto il 9 Maggio scorso, l’evento corrisponde al momento in cui il pianeta si interpone fra la Terra e il Sole oscurando una minuscola porzione del disco solare. Leggi tutto →

Siamo a Terra?

Alessandro Angelo

La Terra è un sasso.

Lo scorso 22 Aprile è stata la Giornata Mondiale della Terra : nello stesso giorno 175 paesi hanno firmato a New York, presso la sede dell’O.N.U., l’Accordo di Parigi , il testo sulla salvaguardia del clima redatto durante i lavori della COP21 tenutasi a Parigi nei mesi di Novembre e Dicembre 2015.

Foto Ansa sul sito Radio Vaticana

Foto Ansa sul sito Radio Vaticana

Anche Papa Francesco ha scelto ieri di presentarsi di persona, sorprendendo gli organizzatori, all’iniziativa “Villaggio per la Terra”, tenutasi presso Villa Borghese, per ribadire il suo impegno ambientalista.

Una giornata insomma, quella della Terra, in cui si chiede di riflettere sulle nostre responsabilità nei confronti del pianeta. Ma che cos’è la Terra, questa cosa verso la quale dovremo essere responsabili? Già la domanda, posta in questi termini, rivela una prospettiva ben definita: cos’è la Terra significa chiedersi che tipo di oggetto è la Terra. Rispondere a questa domanda non diventa altro che delimitare le sue caratteristiche fisiche: quant’è grande? Quanto pesa? Da quanto tempo esiste? Come funziona? La Terra diventa così un oggetto, in linea con la modalità di approcciarsi al reale che il materialismo della scienza ci impone, spesso inconsapevolmente. La Terra diventa un sasso. Essere responsabili verso qualcosa significa sentire di essere responsabili verso qualcosa: come possiamo sentirci responsabili nei confronti di un sasso? Leggi tutto →