La vita segreta del campionato.

Leonardo Samarelli

La vita segreta del campionato non ci era chiara quando la settimana scorsa titolavamo “Juventus, maggioranza e governo” mettendo a paragone le difficoltà emerse dopo le elezioni politiche per costruire una maggioranza sufficiente per governare il Paese e la sicurezza dei bianconeri che invece staccavano sul Napoli. Dopo la 29ma giornata il torneo, contro le previsioni, sembra rivitalizzato, cambiato, ricco di nuovi sviluppi, in testa, in coda e nella lotta salvezza. Guardiamo i numeri che nei giochi contano sempre, come le statistiche e qualche volta tengono conto persino del Dna delle squadre e come diceva lo scrittore spagnolo Javier Marías (in “Selvaggi e Sentimentali, Storie di calcio” ) ogni squadra ha il suo Dna e quel suo essere unica verrà poi sempre fuori nel bene e nel male. Leggi tutto →

La visualizzazione che ti salva la vita.

Marco Giannini

Una quota crescente di diagnosi mediche si basa ormai sulla raccolta e analisi di una grande massa di dati clinici, e la loro visualizzazione fa sempre più spesso la differenza. Qui un excursus sulle tecniche più usate a partire da un sondaggio tra medici, e qualche divagazione sul tema. Leggi tutto →

Juventus: maggioranza e governo.

Leonardo Samarelli

Ventottesima giornata,  Juventus: maggioranza e governo. Se nel Paese post elettorale si cercano maggioranze e governo in campionato non c’è discussione. Numeri alla mano la classifica dice Juve +1 sul Napoli e un potenziale +4 se i bianconeri dovessero vincere in casa con l’Atalanta nel recupero della 26ma (non giocata per neve) di mercoledì prossimo. La scorsa domenica invece (27ma, da recuperare in gran parte il 3 e 4 aprile) ci ricorda Davide Astori su tutto, poi le elezioni del 4 marzo. (Non) avrete notato che la scorsa settimana non siamo intervenuti né sul campionato, come solito, né sugli esiti del voto presi dallo sconforto per la scomparsa di un ragazzo calciatore di 31 anni e dal dilagare di dichiarazioni, maratone di commento politico, supposizioni, possibili alleanze e appoggi tra i partiti che hanno partecipato. Un delirio di parole che bolliva in un pentolone stracolmo di un minestrone  sul quale aleggiava il tradizionale “vedremo”, ché nessuno sapeva, sa e saprà ancora per un bel po’ come andrà a finire. A ciascuno il suo e se i media (social compresi) ne parlano avranno il loro tornaconto e la gente legge, osserva, per lo più in un’Italia sotto pioggia, vento e neve che non fanno presagire nessuna primavera. Leggi tutto →