A seguire (due).

Di Paolo Samarelli e redazione

A seguire (due) le impressioni della quinta giornata, turno infrasettimanale. Cerchiamo di dare una continuità a questo titolo “A seguire” e siamo al due (non garantita prosecuzione). Non possiamo che riprendere dal razzismo negli stadi notando che stavolta sembra essere passata liscia la giornata. Tuttavia  la questione è solo rinviata. Qui sul il Post un articolo “spiegato” sul perché siamo così distanti dal risolverlo. Intanto l’Inter (1-0 alla Lazio) è a punteggio pieno, il Napoli e la Roma perdono e la Fiorentina finalmente vince e raccoglie quel che le spetta. Leggi tutto →

A seguire.

Di Paolo Samarelli e redazione

A seguire, il calcio e qualcos’altro, con qualche impressione personale.

c

Frank Ribery on Twitter

Franck Ribéry (36)

Giocata la quarta di serie A e si chiama Franck Ribéry. Federico Chiesa (22) con forza e determinazione ha strappato il pallone a Palomino e ha poi crossato per il vecchio fantasista (36) che con classe ed esperienza si è allungato, ha impattato, tra malleolo e interno piede sinistro, il pallone segnando a filo d’erba sul palo a sinistra del portiere. Qui potete vedere lo sky tech . Un giovane che fa valere la sua esplosività e un vecchio che sa come trasformarla in qualcosa di utile per la partita sua e della squadra. Un binomio che potrebbe essere utile anche nella vita, in una società dove anziani e giovani sembrano invece diventati antagonisti. Un racconto che non sempre è convincente. Leggi tutto →

La logica del tiro piazzato.

di Paolo Samarelli

“La logica del tiro piazzato”;  ho maturato questa frase dopo aver visto alcune azioni della terza giornata di serie A. In particolare l’immagine di Llorente, neoacquisto del Napoli, che dopo aver recuperato una palla sfuggita alla difesa sampdoriana, invece di tentare un impossibile tiro in porta o un cross alto ha guardato (sia pure in una frazione di secondo ma ha guardato) e individuato il compagno meglio piazzato in area che era Mertens, servendolo con un comodo pallone basso che lo stesso Mertens ha poggiato (piazzato) in porta sempre di interno piede e, sia pure con una ininfluente deviazione, realizzando quello che è sembrato il più facile dei gol. Leggi tutto →

Se Salvini prende il palo.

di Paolo Samarelli

Se Salvini prende il palo come è successo nel Derby di Roma domenica pomeriggio, sei pali, 4 dei laziali e 2 dei giallorossi , non si può che fare una considerazione che avrebbero fatto due maestri del nostro calcio, Nils Liedholm o Vujaidin Boskov:”il palo è sempre un tiro sbagliato”. Leggi tutto →