Se Salvini prende il palo.

di Paolo Samarelli

Se Salvini prende il palo come è successo nel Derby di Roma domenica pomeriggio, sei pali, 4 dei laziali e 2 dei giallorossi , non si può che fare una considerazione che avrebbero fatto due maestri del nostro calcio, Nils Liedholm o Vujaidin Boskov:”il palo è sempre un tiro sbagliato”. Leggi tutto →

Le nuove regole del calcio

di Paolo Samarelli

Le nuove regole del calcio scritte dall’Ifab (International Football Association Board) e valide da giugno 2019 -i campionati del Mondo femminili le hanno viste applicate-arrivano nella nostra Serie A e trovano discretamente impreparati spettatori e addetti ai lavori.

Mi è stato chiesto di spiegarle con qualche disegno dal mensile “Scuola Calcio, la rivista dei giovani calciatori” per il numero in edicola (3 euro) ad Agosto 2019. Credo che non tantissimi abbiano notato i cambiamenti in campo e la variazione del regolamento nelle amichevoli estive. Poi qualcosa è comparso sui mezzi di informazione ma ho trovato lodevole l’iniziativa di “Scuola Calcio” che ha cercato di spiegare a me per primo , che ho cercato di disegnarle, e ai lettori, come cambiava il regolamento. Proprio con la prima giornata del campionato le differenze con le vecchie regole sono sembrate evidenti e forse, come dicevo, non ancora assimilate appieno. Esse prevedono sviluppi tattici e interpretativi sul piano del gioco e delle valutazioni degli arbitri oltre, naturalmente, al comporsi di varie fazioni a favore e contro che diranno la loro su tutti i mezzi possibili e tra i questi mezzi, come è consolidato costume, i social che daranno il meglio e il peggio. Non ci scandalizzeremo. Intanto Gianni Mura nel suo commento al campionato scrive su Repubblica del 26 agosto:

“Siamo andati in vacanza e ci hanno cambiato il calcio. In peggio. Le nuove regole, sul mani in area specialmente, sono un’idiozia totale. Se il VAR c’entra nello scandaloso rigore concesso a Mertens, non c’entra in quelli fischiati a Zielinski e a Cerri, il più assurdo. L’arbitro-soldatino si adegua. Ma quelli che in teoria dovrebbero migliorare il calcio ne hanno snaturato lo spirito e lo stanno ammazzando. Scriviamo, diciamolo, gridiamolo” 

Se volete leggere qualcosa di “spiegato bene” sulle nuove regole potete farlo qui sul il Post e se volete andare sul sito Ifab alla pagina dedicata al nuovo regolamento fatelo qui (in inglese). Nel frattempo si giocata col posticipo di ieri sera (Inter-Lecce 1-0) l’intera giornata di campionato, città ancora semivuote e tanti italiani ancora in vacanza. Sul sito Sky trovate gli highlights ma il protagonista indiscusso, al di là del gioco e dei risultati, è stato Sinisa Mihajlovic, tornato in panchina dopo appena un mese di cure chemioterapiche a causa della sua leucemia. Il fattore umano ha sorpassato tutte le considerazioni mostrando ancora una volta come lo Sport possa essere, quando ci riesce, un veicolo incredibile e positivo capace di proporre messaggi positivi e trasversali. Qui non commentiamo e rivolgiamo solo un grande “in bocca al lupo” a Sinisa e alla sua famiglia. Qui risultati e classifica sulla pagina della Lega serie A, occhio al prossimo turno con sabato Juventus-Napoli e domenica Lazio-Roma. Una considerazione: la prima giornata si è giocata con un governo gialloverde e la seconda potrebbe giocarsi con un governo giallorosso. E fermiamoci qui senza discutere di tattica e colori delle maglie auspicando che si formi una buona squadra con giocatori motivati che facciano gruppo senza troppe storie.

Nuove regole del calcio disegnate

Non sono tutte ma insomma sono spiegati i maggiori cambiamenti

Qui sotto allora i disegni dei quali parlavo all’inizio sulle nuove regole del calcio in vigore per questa stagione calcistica

Disegni pubblicati su Scuola Calcio di agosto. L’autore sono io (Paolo Samarelli)

Post scriptum

Siamo stati assenti per un anno circa. Cause di forza maggiore. Siamo contenti del ritorno e speriamo che qualcuno ci legga. Faremo il possibile per fare meglio. Ciao a tutti e confidiamo sul vostro aiuto per stare in piedi

Tutta la redazione

 

Se telefonando.

Paolo Samarelli

Se telefonando. Leggete l’articolo sulle note di Mina.

Dopo una giornata di mare (così così il tempo) e senza aver messo mano o orecchio ai social o a internet, alla radio o ad altri mezzi d’informazione, mentre si preparano gli spaghetti alle vongole comprate in gita, accendo il televisore della cucina. Su Rai 1 c’è “che tempo che fa” con Fabio Fazio, già iniziata, perfetta per far aprire le vongole in padella e sentire qualche amenità. C’è Roberto Bolle (ballerino classico) che seguo distrattamente, poi appaiono Fedez (il cantante) e Chiara Ferragni , blogger, 12,9 milioni di follower su Instagram (apprendo lì per lì, più del Papa). All’improvviso il conduttore si siede su un seggiolino trasparente di design qualificato e dalla regia gli dicono che Luigi Di Maio vorrebbe parlare in diretta. L’attenzione aumenta, non tanto da togliere lo sguardo dalle vongole e dalla pentola degli spaghetti, e di Maio va giù duro e capisco quel che mi sono perso nella giornata. Se telefonando. Leggi tutto →

Quel che resta del campionato.

Leonardo Samarelli

Quel che resta del campionato dopo l’ultima giornata non sono solo i risultati sul campo. Rimarranno per gli almanacchi di certo ma non per i sostenitori delle 20 squadre che hanno vissuto 38 giornate che  già oggi sono un ricordo. L’altr’anno è finito con l’addio al calcio di Francesco Totti, quest’anno è Buffon a dire ciao almeno alla Juventus per adesso. Leggi tutto →

La riscoperta del 7.

Leonardo Samarelli

La riscoperta del 7. Cosa si può dire alla Juventus di Allegri se non che ha meritato il settimo scudetto consecutivo? Sarò stato anche lo scudetto della resilienza come sostiene il Sole 24ore ma alla fine anche il gioco e l’intelligenza dell’allenatore hanno deciso sull’avventura, difficilmente ripetibile in futuro da altri. Tutti e soprattutto il Napoli non hanno retto il ritmo mostrando qualche decisiva esitazione nei momenti cruciali del campionato. Accade da sette anni, scudetto alla Juventus: tre volte con Conte e quattro con Allegri. Non può essere casuale e non ci sono veleni che tengono. Lo scudetto in primavera che vola a Torino in bianco nero è ormai una tradizione italiana Leggi tutto →

La famiglia volante di Orbetello.

SD-Redazione

La famiglia volante di Orbetello – Riceviamo e volentieri pubblichiamo dall’Ufficio Stampa WWF Italia.

Buone notizie

Un evento straordinario è avvenuto nella Riserva naturale della Laguna di Orbetello, oasi del WWF dove una coppia di falco pescatore (Pandion haliaetus), dopo qualche anno di tentativi, ha nidificato con successo. Al momento non è ancora possibile stabilire il numero dei nati per non disturbare la “famiglia” di falchi in questa fase estremamente delicata in cui è necessaria la massima tranquillità. Leggi tutto →

La classifica e i destini incrociati.

Leonardo Samarelli

La classifica e i destini incrociati. Il titolo prende spunto dal racconto fantastico di Italo Calvino “Il castello dei destini incrociati” e come al tavolo della taverna le squadre raccontano la loro storia in questo campionato. La fila di carte (tarocchi) che ogni viandante (squadra) pone sul tavolo ci appare come la fila delle trentasei partite giocate fino a oggi e senza parole, come nel racconto, le squadre mettono giù i tarocchi e ognuno legge la storia, per immagini, a modo suo. Il protagonista al tavolo è la Juventus, ormai virtualmente, per la settima volta consecutiva, Campione d’Italia. Leggi tutto →