Se telefonando.

Paolo Samarelli

Se telefonando. Leggete l’articolo sulle note di Mina.

Dopo una giornata di mare (così così il tempo) e senza aver messo mano o orecchio ai social o a internet, alla radio o ad altri mezzi d’informazione, mentre si preparano gli spaghetti alle vongole comprate in gita, accendo il televisore della cucina. Su Rai 1 c’è “che tempo che fa” con Fabio Fazio, già iniziata, perfetta per far aprire le vongole in padella e sentire qualche amenità. C’è Roberto Bolle (ballerino classico) che seguo distrattamente, poi appaiono Fedez (il cantante) e Chiara Ferragni , blogger, 12,9 milioni di follower su Instagram (apprendo lì per lì, più del Papa). All’improvviso il conduttore si siede su un seggiolino trasparente di design qualificato e dalla regia gli dicono che Luigi Di Maio vorrebbe parlare in diretta. L’attenzione aumenta, non tanto da togliere lo sguardo dalle vongole e dalla pentola degli spaghetti, e di Maio va giù duro e capisco quel che mi sono perso nella giornata. Se telefonando. Leggi tutto →

Quel che resta del campionato.

Leonardo Samarelli

Quel che resta del campionato dopo l’ultima giornata non sono solo i risultati sul campo. Rimarranno per gli almanacchi di certo ma non per i sostenitori delle 20 squadre che hanno vissuto 38 giornate che  già oggi sono un ricordo. L’altr’anno è finito con l’addio al calcio di Francesco Totti, quest’anno è Buffon a dire ciao almeno alla Juventus per adesso. Leggi tutto →

La riscoperta del 7.

Leonardo Samarelli

La riscoperta del 7. Cosa si può dire alla Juventus di Allegri se non che ha meritato il settimo scudetto consecutivo? Sarò stato anche lo scudetto della resilienza come sostiene il Sole 24ore ma alla fine anche il gioco e l’intelligenza dell’allenatore hanno deciso sull’avventura, difficilmente ripetibile in futuro da altri. Tutti e soprattutto il Napoli non hanno retto il ritmo mostrando qualche decisiva esitazione nei momenti cruciali del campionato. Accade da sette anni, scudetto alla Juventus: tre volte con Conte e quattro con Allegri. Non può essere casuale e non ci sono veleni che tengono. Lo scudetto in primavera che vola a Torino in bianco nero è ormai una tradizione italiana Leggi tutto →

La famiglia volante di Orbetello.

SD-Redazione

La famiglia volante di Orbetello – Riceviamo e volentieri pubblichiamo dall’Ufficio Stampa WWF Italia.

Buone notizie

Un evento straordinario è avvenuto nella Riserva naturale della Laguna di Orbetello, oasi del WWF dove una coppia di falco pescatore (Pandion haliaetus), dopo qualche anno di tentativi, ha nidificato con successo. Al momento non è ancora possibile stabilire il numero dei nati per non disturbare la “famiglia” di falchi in questa fase estremamente delicata in cui è necessaria la massima tranquillità. Leggi tutto →

La classifica e i destini incrociati.

Leonardo Samarelli

La classifica e i destini incrociati. Il titolo prende spunto dal racconto fantastico di Italo Calvino “Il castello dei destini incrociati” e come al tavolo della taverna le squadre raccontano la loro storia in questo campionato. La fila di carte (tarocchi) che ogni viandante (squadra) pone sul tavolo ci appare come la fila delle trentasei partite giocate fino a oggi e senza parole, come nel racconto, le squadre mettono giù i tarocchi e ognuno legge la storia, per immagini, a modo suo. Il protagonista al tavolo è la Juventus, ormai virtualmente, per la settima volta consecutiva, Campione d’Italia. Leggi tutto →

Il declino della sinistra in Europa.

di Marco Giannini

Il declino della sinistra in Europa

I partiti storici di sinistra vivono oggi in tutto il continente il loro giorno più buio. Questa veloce analisi basata sui dati riorganizza i motivi del fallimento, e traccia una linea rossa che accosta il disinteresse dell’elettorato al “tradimento” dei temi a esso più cari.

L’infografica può servire a stabilire un ragionamento basandosi sui dati, purché correttamente raccolti, elevando il livello della discussione tra persone con opinioni differenti le quali normalmente si urlano in faccia. La politica è un ottimo esempio, scalda gli animi e si basa spesso su convinzioni personali. Quello che segue invece è un modesto tentativo di interpretare attraverso i dati e la loro visualizzazione il lento e inesorabile declino dei partiti di sinistra e centro-sinistra in Europa, senza forzarne la lettura in una direzione specifica e – soprattutto – precostituita. Leggi tutto →